La sorella Sbagliata (2020)

Camilla FILIPPI

Luciana è andata via da Milano appena ha potuto. Sua madre dava sempre ragione a Giovanna, sua sorella. Perché Giovanna era la figlia preferita. Perché Giovanna ha un carattere impossibile. Perché Giovanna è spastica. Così Luciana si è trasferita a Bologna, dove insegna in un liceo e ha iniziato una nuova vita. Si è tinta i capelli di nero e adesso gli amici la chiamano Biancaneve. Finché, una mattina mentre è a scuola, riceve una telefonata. Deve tornare a Milano. È successo all’improvviso. Sua madre non c’è più. Lo spaesamento, il funerale, Giovanna. Giovanna che le urla contro perché non c’era, Giovanna che le chiede di fare un viaggio in onore della loro madre. La meta deve essere Stromboli, dice. Ma Stromboli per Luciana è troppo lontana, così propone di ripiegare su San Benedetto del Tronto. Tra antichi rancori e nuovi litigi, per le due sorelle inizia così un viaggio destinato a cambiare per sempre le loro vite.

  • - Année de publication : 2020
  • - Pages : 238
  • - Éditeur : Harper Collins Italia
  • - Langue : Italien

A propos de l'auteur :

Camilla FILIPPI :

Attrice e artista visiva, ha debuttato nella miniserie tv Costanza (1998), per la regia di Gianluigi Calderone, interpretando il ruolo di Laura. Nel 2000 partecipa al film Estate romana di Matteo Garrone. Ha preso parte …

 

La maison d'édition :

Harper Collins Italia :

HarperCollins Italia è una casa editrice appartenente al gruppo globale HarperCollins Publishers, secondo editore al mondo, con oltre duecento anni di storia, che nel suo percorso ha pubblicato Mark Twain, Agatha Christie, le sorelle Brontë, Charles Dickens, passando per John F. Kennedy, Martin Luther King e molti altri autori di grande prestigio e…

1|5
1 avis
1 Commentaires
Laisser un commentaire

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

*

  • Menthaleau
    18 janvier 2021

    Un road trip associant deux sœurs réunies après le décès de leur mère. A travers les péripéties ( pour certaines invraisemblables) du voyage l.auteur essaie d.évoquer différents aspects du handicap ( autonomie, sexualité, regards des autres) sans conviction et la relation de ses deux femmes. L.une se croit la plus compétente car valide mais elle est en fait la plus tourmentée et la moins fiable, sa sœur au contraire revendique le droit à l.autonomie. Une trame sur exploitée au cinéma et dans la littérature. Ce roman n.apporte pas grand chose au thème en lui même et ne suscite pas vraiment de réflexions. Une étoile car il est difficile d.en metttre plus selon moi.